Nisos Meganisi

174Partenza da Palairos direzione Meganisi. Oggi l’agonismo la fa da padrone e quindi regatina… Vento pari a zero, decido per la famosa tattica suicida descritta da Moitessier: se siete la barca piu’ piccola potrete vincere solo utilizzando una tattica pressochè suicida, se gli altri vanno a destra voi andate a sinistra… Cosi’ prendiamo a sinistra con un bordo profondo verso la terraferma e miracolo, sotto costa acchiappiamo un refoletto benigno e con un ulteriore bordo verso Meganisi stravinciamo la regata, asfaltando, come direbbe qualcuno barche ben piu’ grandi della nostra.

303Meganisi è un’isola dalla conformazione piuttosto particolare, infatti somiglia vista sulle carte ad una mano. Tra le dita fiordi profondi e baie protettissime c’e’ solo da scegliere. Noi andiamo a Vathy, il paesino più grande con il nome che si confonde tra i numerosi Vathy presenti in Grecia. Gli inglesi la definiscono così: ”

Vathi Village Meganisi: Vathi is one of the main villages in Meganisi. It is located on the northeast coast of the island, at the end of an inlet. Vathi hosts a charming harbour with deep blue waters where fishing and sailing activities are conducted safely. The quay filled with a large number of boats during the summer season presents a captivating panoramic view of the village. The village is quite picturesque with a maze of whitewashed houses and alleys and there are a few churches facing the sea. There are a number of taverns and restaurants offering delicious local food. The locals in the village are involved in agricultural activities with a vast area of olive groves to cultivate. People are also involved in livestock farming, while sheep and goat milk are widely used in the island. Here you can see the remains of windmills, just the round stone built body that stand proudly on the hilltops and capes”

MeganisiA Vathy c’e una delle poche marine di questa parte di Ionie e decido di andarci un po’ per caricare batterie e un po’ per una certa voglia di comodità, vedi doccia calda prolungata.. Sarà l’unica volta che pagheremo, peraltro veramente poco se consideriamo i prezzi medi italiani e croati (21 euro per una lunghezza di 9.33 mt), nelle tre settimane di questa crociera. Sulla banchina del marina cuciniamo un po’ di pesciolini  che abbiamo acquistato a Palairos,  osservati da passanti che sfilano davanti a noi con un risolino a fior di labbra. Il risultato è visibile qui sotto! Bon Apetit!

337La notte trascorre tranquilla dopo una bella passeggiata per il paesino ed un frozen yoghurt ai frutti di bosco… All’indomani nuova partenza, questa volta per uno dei luoghi più rinomati delle ionie, un posto da fighetti dirò io, Fiskardo, isola di Cefalonia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...