La lingua geniale

Caro lettore ti chiederai che c’azzecca, come qualcuno in Italia ci ha insegnato a  proposito di lingua e vorrei dire persona non geniale, un titolo così fuori blog; nulla a prima vista ma per me tantissimo.

Quale sarebbe questa lingua geniale e perché per me conta così tanto. La lingua geniale e’ il greco antico e alla fine spiegherò perché è così importante.

Quanti di noi sono diventati ciechi come Omero di Chia su quella gabbia informe creata dal solito gesuita che di nome faceva Lorenzo Rocci, terrore di tutti gli studenti del classico, testo senza grassetti, sottolineature, segni distintivi,massa informe e gabbia linguistica incapace di esprimere le sfumature delle parole, un po’ come tutti vocabolari ma se possibile peggiore degli altri…

Quanti di noi nottetempo recitavano come un mantra o come si usava dire “un’Ave Maria” i paradigmi incomprensibili dei verbi greci senza avere nessuna altra possibilità che mandarli a memoria così come erano senza avere la possibilità di comprenderli.

Ebbene sono stato illuminato sulla via di Damasco tanti anni dopo la tragedia del Greco antico del liceo proprio ora che cerco di imparare e parlare siga’ siga’( piano piano in greco] il greco moderno, il cosiddetto demotiki’, ora che amo la Grecia ed i greci più della mia stessa gente e più della mia stessa terra tanto da far mia questa gente e questa terra. 

Qual’era e probabilmente qual’e’ ancor oggi l’errore, cos’è che non ci ha permesso di capire? Semplice e difficile allo stesso tempo. Le nostre lingue moderne sono strutturate sul tempo quindi sul presente, sul passato e sul futuro, con una estrema semplificazione e banalizzazione della lingua, ulteriormente banalizzata oggi dagli smartphone che introducono all’uso spasmodico degli emoticon. Noi non sappiamo dire senza tempo, senza un quando, noi non vediamo perché tutto dipende dallo svolgersi del tempo. Nel greco antico non esiste un quando, il tempo non esiste, ciò che veramente vuol dirci questa lingua è come, qual’è l’aspetto e l’aspetto ha tre temi: il tema del presente, il tema dell’aoristo, il tema del perfetto. L’aoristo ( quanto l’ho odiato) ad esempio, completamente scomparso nella nostra lingua ma ancora presente nel greco moderno oggi mi appare un tempo dal valore talmente aspettuale da essere struggente: per esempio per dire : muoio, userò l’aoristo ed il verbo greco che lo esprime possiede solo questo tempo nel suo inesistente paradigma; l’azione del morire è talmente puntuale che non necessita di specificare il tempo cronologico, è quella e basta.

Insomma tutta questa pappardella per dire che cosa? Quanto incredibilmente avanzate erano le lingue indoeuropee, quanto il significato aspettuale del “come” prevalesse sul banale “quando”, come il tempo non avesse alcun significato se non legato all’aspetto e come tutto ciò sia rimasto nel DNA dei greci…..

Perciò quando ad esempio con il motore della barca rotto in risposta alla vostra ansiosa e banale domanda quando verrà riparato ( e qui mi riallaccio al blog ) vi sentirete dire dal meccanico “avrio “ovvero domani, ve la sarete voluta, perché per i greci odierni come per gli antichi il tempo non esiste… ( risate parakalo’)

PS: ho fatto umilmente mio un libro che consiglio di leggere sia che abbiate studiato greco che non lo abbiate fatto. Quello che è stupefacente è che mi sia stato regalato da Gheorghios un mio grande amico GRECO per aiutarmi a comprendere i greci e le loro origini. Mi si  è spalancato un mondo credetemi.

Andrea Marcolongo ( a discapito del nome è una donna)

LA LINGUA GENIALE

9 ragioni per amare il greco

Edizioni Laterza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...